Menu

studi di popolazione condotti in Sud Africa avranno una popolazione di 500.000

13/10/2016 - nuova tecnologia

scolari Sud Africa Limpopo.
studio di monitoraggio popolazione del paese effettuata nelle zone rurali.
(Fonte: Ndlovu / Sowetan / Gallo Images / Getty Images) ha annunciato oggi

governo sudafricano si espanderà la ricerca demografica esistente nel paese, per creare un diventerà Africa tali studi nel più grande progetto di & mdash; & mdash; per circa
1% della salute della popolazione sudafricana, reddito e livello di istruzione della pista.
Secondo il ministero sudafricano della Scienza

stima, che alla fine coprire più di 50 milioni di persone al porto della cigarettes store nei prossimi cinque anni investirà almeno 264 milioni progetto di censimento rand (19 milioni di $).
Attualmente, il progetto ha avuto successo nei primi tre anni di finanziamento, l’altra parte deve essere finanziata dai bilanci futuri.

Se questo studio può essere a lungo perseguito, i ricercatori sperano di dati ottenuti li aiuterà dal vivo gli stessi problemi di indirizzo della pista, come il virus dell’AIDS (HIV), la tubercolosi e altre questioni importanti e di controllo sanitario, come il cancro, il diabete e altre rilevanti emergenti
sugli sforzi della minaccia.
Sud Scienza e della Tecnologia africano intende procedere alla ricerca per diversi decenni per monitorare la vita delle persone dalla culla alla tomba e monitorare le tendenze in intergenerazionale.

studi demografici a lungo termine giocano un ruolo importante in modelli di malattia raffigurati in.
Un sondaggio nel 1948 a Framingham, Massachusetts, la città ha iniziato a, ha contribuito alla scoperta di attrarre, diabete e altri fattori di rischio cardiovascolare, modelli di malattia e consentirà agli scienziati di studiare intergenerazionale.

Tuttavia, il Presidente della Glenda grigio sudafricano Medical Research Council ha detto, e molti altri luoghi nel mondo in via di sviluppo, come il Sud Africa non ha prestato attenzione a tale progetto a lungo termine, ma più attenzione alle emergenze sanitarie come l’HIV, Ebola e simili.